Home Dal mondo Borse prudenti dopo la pausa di Wall Street

Borse prudenti dopo la pausa di Wall Street

30

Piazza Affari apre poco sopra la parità, sostenuta da Saipem che continua a salire. Segnali positivi dalla fiducia dei consumatori tedeschi nel mese di febbraio

 

La seconda seduta della settimana si apre nel segno della cautela per i principali listini del Vecchio Continente. A Piazza Affari continua a salire Saipem (+2,3%). In evidenza anche Rai Way che, dopo il nuovo piano di riassetto, guadagna oltre il 4%. Ftse Mib e Cac 40 francese unici indici europei poco sopra la parità, in rosso Londra e Francoforte.

Nella seduta di ieri gli indici di Wall Street hanno chiuso in calo. Sempre negli Usa, in attesa del deflatore Pce che uscirà venerdì, sono arrivati altri dati macroeconomici. Il Chicago Fed National Activity Index, l’indice che misura l’attività nazionale statunitense, a febbraio, è salito da -0,54 punti a 0,05. In calo, invece, le vendite di case e l’indice manifatturiero della Fed di Dallas di marzo. Dati che hanno portato a un aumento della possibilità di un taglio dei tassi da parte della Fed a giugno: secondo il FedWatch Tool del Cme Group tale ipotesi è ora al 63,5% (da 50,8%).

Dati macroeconomici in primo piano anche in Europa, dove l’indice Gfk, che misura il sentiment dei consumatori, è salito a -27,4 da -28,8 punti del mese precedente. Come per gli Usa, anche nel Vecchio Continente venerdì sono in arrivo due dati importanti sull’inflazione di Italia e Francia, dati che ovviamente saranno tenuti in considerazione dalla Banca centrale europea in vista delle prossime decisioni sui tagli dei tassi. Sullo sfondo della giornata dei mercati restano le questioni geopolitiche, con la novità dell’astensione Usa nel Consiglio di Sicurezza Onu sul cessate il fuoco a Gaza.

Sul mercato valutario, il cambio euro/dollaro sale leggermente a 1,084. Poco mosso il petrolio con il Brent maggio in area 86,7 dollari al barile e il Wti a circa 82 dollari. Continua a salire il Bitcoin che viaggia a 71.329 dollari (+6,76%).

 

 

Fonte:www.financialounge.com