Home Dal mondo Borse positive in attesa dell’inflazione Ue e Italia

Borse positive in attesa dell’inflazione Ue e Italia

57

Partenza con il segno più per i principali listini del Vecchio Continente nella prima seduta del mese. Oggi è prevista la pubblicazione del dato sull’inflazione dell’Eurozona e dell’Italia

 

Nonostante le tensioni geopolitiche in aumento, soprattutto in Ucraina, le Borse europee aprono la prima seduta di marzo in crescita. Il Ftse Mib di Piazza Affari, che nel mese di febbraio è stata la migliore Borsa europea con un rialzo del 6%, apre a +0,5%. Bene anche Francoforte (+0,6%) e Parigi (+0,4%). A Piazza Affari in evidenza Leonardo, Iveco e Saipem.

Sui mercati occhi puntati sull’inflazione. Alle 11 è in uscita il dato preliminare dell’Eurozona, con attese di una crescita del 2,5% anno su anno dopo il +2,8% di gennaio. Sempre a livello europeo verranno pubblicati i dati sul tasso di disoccupazione a gennaio (previsione +6,4%) e il Pmi manifatturiero finale di febbraio. Dato sull’inflazione in arrivo anche in Italia (alle ore 11) con il dato preliminare di febbraio dopo il +0,8% su base annuale registrato a gennaio. Si tratta di dati molto seguiti dalle banche centrali per decidere le prossime mosse di politica monetaria.

Nella giornata di ieri Wall Street ha chiuso in positivo dopo i dati dell’indice Pce, la misura preferita dalla Fed per misurare l’inflazione, che si sono rivelati a gennaio in linea con le attese, con il dato “core” annuale che ha rallentato dal 2,9% al 2,8%. Nel pomeriggio italiano è prevista la pubblicazione dell’indice Pmi manifatturiero Usa di febbraio oltre alla fiducia dei consumatori rilevata dall’università del Michigan.

In Italia si chiude oggi alle 13 il collocamento della terza edizione del Btp Valore. Nei primi quattro giorni il titolo destinato agli investitori retail ha ricevuto richieste per 16,9 miliardi di euro. Il Tesoro comunicherà l’eventuale variazione delle cedole minime garantite, pari al 3,25% per i primi tre anni e al 4% per gli ultimi tre.

 

 

Fonte:www.financialounge.com