Home Dal mondo Borse poco mosse, deludono i dati economici di Cina e Germania

Borse poco mosse, deludono i dati economici di Cina e Germania

26

Avvio prudente per i principali listini del Vecchio Continente in attesa dei dati sull’occupazione americana e delle decisioni dell’Eurogruppo

 

Partenza debole per le Borse europee, che segnano perdite intorno allo 0,2%. L’indice Ftse Mib di Piazza Affari apre le contrattazioni in calo. Lo spread Btp/Bund apre stabile a 174 punti base in attesa delle decisioni dell’Eurogruppo

I dati macroeconomici americani sembrano indirizzare sempre di più la Fed verso una nuova pausa nella riunione della prossima settimana. Secondo il rapporto Adp, l’occupazione nel settore privato è aumentata a novembre di 103mila posti, contro attese di 128mila. Ma il dato più importante sull’occupazione è atteso per domani. Secondo le attese, la Fed dovrebbe mantenersi in pausa anche nella prossima riunione e il 54,9% dei trade di Wall Street scommette su un primo taglio già a marzo.

La prossima settimana anche la Bce sarà chiamata a decidere sui tassi di interesse, e anche in questo caso si prevede una pausa. Intanto, sul fronte dei dati macroeconomici, da registrare il -0,4% su base mensile della produzione industriale della Germania a ottobre. Si tratta del quinto mese consecutivo di flessione, che ha portato il calo su base annua a -3,5%.

Sempre in tema di banche centrali, in base all’andamento degli swap overnight una stretta da parte della Banca centrale del Giappone nel vertice di dicembre è considerata probabile al 45%: solo due giorni fa le chance erano ferme al 3,5%.

Il petrolio tenta di recuperare terreno dopo essere scivolato ai minimi da sei mesi: il future gennaio sul Wti sale dello 0,5% a 69,73 dollari al barile, mentre la consegna febbraio per il Brent segna +0,4% a 74,60 dollari. In calo dello 0,3% a 39,2 euro al megawattora il prezzo del gas naturale sulla piattaforma Ttf di Amsterdam. Sul valutario l’euro scivola a 1,0769 dollari da 1,0787 ieri in chiusura.

 

 

Fonte:www.financialounge.com