Home Dal mondo Apple e i fornitori asiatici affondano per le restrizioni cinesi sugli iPhone

Apple e i fornitori asiatici affondano per le restrizioni cinesi sugli iPhone

57
Smartphone screen mockup on glowing neon lights table psd

Le azioni di Apple Inc e dei suoi fornitori asiatici sono scese bruscamente giovedì e venerdì dopo che la Cina ha riferito di aver impedito ai funzionari governativi di utilizzare gli iPhone

 

Pechino, secondo i media, avrebbe ordinato ai funzionari del governo centrale di non utilizzare gli iPhone per scopi ufficiali, mentre anche le aziende statali e le agenzie governative starebbero prendendo in considerazione mosse simili.

Le restrizioni indicano un potenziale rallentamento delle vendite di iPhone di Apple, che rappresentano il principale motore di reddito dell’azienda. La Cina è anche il terzo maggior contributore alle entrate di Apple, a partire dagli utili del secondo trimestre.

La notizia del divieto ha fatto crollare le azioni di Apple di circa il 6% nelle ultime due sedute, cancellando circa 200 miliardi di dollari dalla capitalizzazione di mercato del produttore di iPhone.

Le perdite di Apple si sono riversate sui suoi fornitori asiatici, con la sudcoreana SK Hynix Inc, che fornisce chip di memoria all’azienda, in calo del 4,1%. Samsung Electronics Co Ltd, che fornisce chip di memoria e display per telefoni ad Apple, è scesa dello 0,9%.

La taiwanese TSMC è scesa dello 0,7%, mentre il produttore di display Japan Display Inc è sceso del 2,5%. In Cina, Luxshare Precision Industry Co Ltd, che produce cavi di collegamento per una serie di dispositivi Apple, è scesa del 3,2%.

Il fornitore quotato a Hong Kong AAC Technologies Holdings Inc, che costruisce Airpods per Apple, è sceso di quasi il 6% questa settimana, anche se il titolo non è stato scambiato venerdì a causa di un una più ampia sospensione del commercio a Hong Kong.

 

 

Fonte:www.investing.com