Home Dal mondo Borse europee in ribasso su calo produzione industriale tedesca ed export cinese

Borse europee in ribasso su calo produzione industriale tedesca ed export cinese

78

Avvio in rosso per i principali listini del Vecchio Continente, appesantiti dai dati macroeconomici di Germania e Cina. Negli Usa torna il timore di un possibile rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve

 

Partenza con il segno meno per Piazza Affari: l’indice Ftse Mib cede lo 0,5%. In rosso anche Francoforte e Parigi, che perdono rispettivamente lo 0,4% e lo 0,3%. A Milano Eni cede l’1,5% nel giorno del lancio del bond sustainability linked da un miliardo di euro. In evidenza Tod’s (+3,5%) dopo la pubblicazione dei conti.

I dati sull’economia cinese portano nuovi timori sui mercati globali. Nel mese di agosto le esportazioni di Pechino sono diminuite dell’8,8% su base annua, registrando il quarto calo mensile consecutivo, mentre le importazioni sono scese del 7,3%. Giù anche il surplus commerciale, sceso a 68,36 miliardi di dollari ad agosto rispetto ai 78,65 miliardi di un anno fa e al di sotto delle previsioni di 73,9 miliardi di dollari. Dati poco rassicuranti, che fanno pensare a un’economia che difficilmente raggiungerà l’obiettivo di crescita del 5% per il 2023.

In Europa, la Germania conferma le difficoltà con la produzione industriale di luglio scesa dello 0,8% rispetto al mese precedente (previsione -0,4%) e del 2,1% rispetto allo scorso anno.

Nella seduta di ieri Wall Street ha chiuso in calo in seguito ai dati solidi dell’economia, che fanno pensare a un nuovo possibile rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve. A pesare è anche l’aumento del prezzo del petrolio, con il Brent novembre a 90,3 dollari al barile e il Wti ottobre a 87,25 dollari al barile. In aumento i rendimenti dei titoli del Tesoro, con quello a due anni di nuovo sopra il 5%, che pesano nuovamente sull’andamento dei titoli tecnologici.

 

 

Fonte:www.financialounge.com