Home Dal mondo Tim accelera in Borsa, KKR più vicina alla divisione dei servizi

Tim accelera in Borsa, KKR più vicina alla divisione dei servizi

62

Telecom Italia segna i rialzi più importanti a Piazza Affari

 

Reuters ha riportato martedì che nel cda di ieri il fondo americano KKR sarebbe emerso come il candidato più vicino ad assicurarsi il business dei servizi a dispetto della cordata Cdp-Macquarie.

Nell’offerta presentata il 9 giugno scorso, il colosso del private equity avrebbe messo sul piatto 23 miliardi di euro inclusi 2 miliardi di earn-out in caso di raggiungimento di alcuni target finanziari, mentre Cdp e il fondo australiano Macquarie hanno offerto 19,3 miliardi di euro con maggiori dettagli su questioni antitrust essendo entrambi azionisti di Open Fiber.

Con il board di Tim che si riunirà il 22 giugno per pronunciarsi sulle offerte, ad aiutare gli americani ad avvicinarsi alle richieste di Vivendi, primo azionista di Tim, potrebbe essere il fondo italiano delle infrastrutture F2i che, come confermato dallo stesso AD Ravanelli, sta “dialogando con i soggetti coinvolti”.

Stando alle voci di stampa circolate in queste settimane, il fondo potrebbe partecipare con una quota del 10-15% in NetCo con una dotazione liquida per 600 milioni ma che come leva potrebbe portare l’investimento a circa 2,5 miliardi.

 

 

Fonte:www.investing.com