Home Dal mondo Dollaro debole dopo dati Usa, riflettori su Federal Reserve

Dollaro debole dopo dati Usa, riflettori su Federal Reserve

78

A poche ore dal previsto rialzo dei tassi d’interesse statunitensi, il dollaro cala per il secondo giorno consecutivo

 

L’indice del dollaro, che misura il biglietto verde rispetto ad altre sei valute, perde circa 0,3% a 101,61, calando per il secondo giorno consecutivo.

Nel frattempo, l’euro guadagna lo 0,38% a 1,1039 dollari, in vista della riunione di domani della Banca centrale europea.

Il mercato monetario europeo indica una probabilità dell’85% circa che la Bce alzi i tassi di 25 punti base e una chance del 15% di un rialzo di 50 punti base.

La sterlina guadagna lo 0,43% a 1,2522 dollari ed è piatta rispetto all’euro a 88,16 pence.

Lo yen è in rialzo dello 0,64% contro il dollaro a quota 135,66, recuperando parte delle perdite subite la scorsa settimana dopo la decisione di Banca del Giappone di mantenere una politica monetaria fortemente espansiva.

Intanto, i cupi dati sull’occupazione, lo stallo sul tetto del debito e il nervosismo sul settore bancario offuscano le prospettive di investimento.

 

 

Fonte:www.reuters.com