Home Dal mondo Oro stabile a 2.000, sostenuta la domanda di beni rifugio

Oro stabile a 2.000, sostenuta la domanda di beni rifugio

57

I prezzi dell’oro sono saliti a livelli chiave mercoledì, sostenuti dalla domanda di beni rifugio, mentre una serie di dati deboli dalle trimestrali e dall’economia USA hanno alimentato i timori di una potenziale recessione quest’anno

 

Martedì il metallo giallo è salito insieme al dollaro, indicando che gli investitori erano in gran parte alla ricerca di rifugi sicuri in un contesto di crescente incertezza economica. A ciò si sono aggiunte forti perdite nei mercati orientati al rischio, con gli indici di Wall Street che hanno perso tra l’1% e il 2%.

La fiducia dei consumatori USA, più debole del previsto, ha evidenziato un rallentamento dei consumi quest’anno, rappresentando un freno alla crescita economica.

L’oro spot è salito dello 0,2% a 2.001,76 dollari l’oncia, mentre i future dell’oro sono saliti dello 0,4% a 2.011,65 l’oncia al momento della scrittura. Entrambi gli strumenti hanno registrato un forte rialzo martedì, con un terzo giorno consecutivo di guadagni.

Anche gli altri metalli preziosi sono saliti mercoledì, beneficiando dell’aumento della domanda di beni rifugio. I future del platino è salito dello 0,5%, mentre i future del rame sono saliti dell’1%.

Tra i metalli industriali, i prezzi del rame si sono stabilizzati rispetto alle recenti perdite, in quanto la prospettiva di un peggioramento della crescita economica ha fatto pensare a un indebolimento della domanda del metallo rosso.

I future del rame sono saliti dello 0,1% a 3,870 dollari la libbra, ma sono scesi di quasi il 3% sulla settimana, dopo essere scesi di un margine simile la settimana scorsa.

 

 

Fonte:www.investing.com