Home Dal mondo Borse asiatiche in calo, timori per un amento dei tassi

Borse asiatiche in calo, timori per un amento dei tassi

54
stock indexes in virtual space. Economic growth, recession. Electronic virtual platform showing trends and stock market fluctuations

Venerdì, a causa dei timori per il rallentamento dell’economia, la maggior parte dei mercati azionari asiatici è crollata, estendendo le perdite alla terza sessione consecutiva

 

Gli indici cinesi Shanghai Shenzhen CSI 300 e Shanghai Composite sono stati i peggiori della giornata, con un calo di oltre l’1% ciascuno, a causa delle preoccupazioni per una ripresa economica contrastata nel Paese, inasprendo il sentiment verso i titoli locali.

Mentre l’economia cinese è cresciuta più del previsto nel primo trimestre, il settore manifatturiero ha continuato a faticare.

I dati hanno anche mostrato che gli investimenti diretti esteri in Cina sono cresciuti molto meno del previsto a marzo, riflettendo alcuni dubbi sull’entità della ripresa dell’economia.

L’indice giapponese Nikkei 225 è sceso dello 0,2%, in quanto i dati hanno mostrato che l’inflazione dei prezzi al consumo è rimasta stabile fino a marzo. La lettura fa aumentare la pressione sulla Banca del Giappone affinché inasprisca la politica, nonostante i segnali cauti del nuovo governatore Kazuo Ueda.

Sempre in Giappone, i dati preliminari sull’attività dei settori produzione e servizio hanno deluso le stime di aprile.

L’indice Hang Seng di Hong Kong e l’indice KOSPI della Corea del Sud hanno perso circa lo 0,6% ciascuno.

Anche l’indice Taiwan Weighted è sceso dello 0,1%, con un debole sostegno da parte di Taiwan Semiconductor Manufacturing Co, anche se l’azienda ha registrato un primo trimestre migliore delle attese.

Gli indici indiani Nifty 50 e BSE Sensex 30 sono rimasti fermi nei primi scambi, mentre l’indice australiano ASX 200 è sceso dello 0,4%.

 

 

Fonte:www.investing.com