Home Dal mondo Cinque azioni “promosse” da Morgan Stanley

Cinque azioni “promosse” da Morgan Stanley

100

Nonostante la volatilità sui mercati, la grande banca d’investimento ha rivisto al rialzo le valutazioni di alcuni titoli: tra di essi ci sono anche Meta e Harley Davidson

 

Il primo titolo portato sul rating “overweight” (sovrappeso) è quello del gigante cinese dell’e-commerce Pinduoduo. L’obiettivo di prezzo è stato rivisto a 113 dollari per azione, con un possibile upgrade del 52% rispetto alle quotazioni attuali. Pinduoduo, quotata anche a Wall Street, può beneficiare della crescita dei consumi cinesi e, alla luce delle recenti correzioni, secondo gli esperti della grande banca d’investimento, può anche avere un punto di ingresso interessante.

ACM Research, specializzata nei servizi per apparecchiature a semiconduttori, ha ricevuto dagli analisti di Morgan Stanley un doppio upgrade: il titolo, infatti, è passato da “underweight” a “overweight”. In una nota del 6 marzo la banca ha indicato un obiettivo di prezzo di 13,5 dollari, pari a un potenziale rialzo del 20%. Il 2023, secondo le previsioni, dovrebbe essere un anno di forte crescita per ACM Research con un’espansione in Europa e il lancio di nuovi prodotti.

Tra i titoli promossi da Morgan Stanley c’è anche quello di Meta (ex Facebook). Gli analisti della banca hanno espresso una view favorevole per il cambiamento strutturale in corso all’interno dell’azienda e, soprattutto, sul fronte del miglioramento dei ricavi. La riduzione dei costi, secondo gli analisti, pone Meta in una posizione migliore rispetto a Google e anche rispetto ad Amazon, dove l’aumento della redditività dipende dalla crescita della spesa dei consumatori.

Infine, Harley-Davidson e Sarepta Therapeutics sono gli altri due titoli “promossi” da Morgan Stanley. Nel primo caso, a convincere gli analisti della banca è stato principalmente il recente calo del titolo sotto i 40 dollari, che non rispecchia la crescita di altri parametri. Nel caso di Sarepta Therapeutics, la decisione di sovrappesare il titolo dipende dalla prossima approvazione di un farmaco. Per questo il potenziale upside stimato è di circa il 43%.

 

 

Fonte:www.financialounge.com