Home Dal mondo L’oro è in salita, il dollaro crolla dopo ina Fed meno aggressiva

L’oro è in salita, il dollaro crolla dopo ina Fed meno aggressiva

71

I prezzi dell’oro sono saliti giovedì, attestandosi al di sotto del livello chiave di 2.000 dollari, in seguito alle aspettative che la Federal Reserve abbia un margine di manovra limitato per aumentare ulteriormente i tassi di interesse, il che ha fatto scendere anche il dollaro

 

La Fed, sebbene abbia alzato i tassi di interesse come previsto, ha dichiarato di essere impegnata a contenere l’inflazione. Tuttavia, la prospettiva di una banca centrale meno falco ha fatto scendere il dollaro ai minimi di sette settimane rispetto a un paniere di valute, favorendo le materie prime quotate in dollari, e ha rafforzato le prospettive per gli asset non remunerativi come l’oro.

Al momento della scrittura, l’oro spot è salito dello 0,3% a 1.974,58 dollari l’oncia, mentre i future dell’oro sono in salita dell’1,4% a 1.976,85 l’oncia. Entrambi gli strumenti sono saliti bruscamente dopo la decisione della Fed di mercoledì.

La Fed ha aumentato i tassi di interesse di 25 punti base mercoledì, ma ha ammorbidito la sua retorica sull’inasprimento della politica monetaria, segnalando che potrebbe prendere in considerazione una pausa nell’inasprimento della politica per evitare ulteriori venti contrari all’economia.

Il potenziale cambiamento di politica della Fed arriva sulla scia di una potenziale crisi bancaria, che ha visto diverse banche statunitensi crollare a causa di un forte aumento dei tassi di interesse.

I rendimenti del Tesoro americano sono scesi durante la notte e sono rimasti in sordina negli scambi asiatici, favorendo i prezzi del metallo.

Anche gli altri metalli preziosi sono in salita questo giovedì, con i future del platino e dell’argento in rialzo di oltre l’1% ciascuno.

Tra i metalli industriali, i prezzi del rame sono tornati a livelli chiave giovedì, grazie all’attenuarsi dei timori di una crisi bancaria. I future del rame sono in salita dello 0,8% a 4,0690 dollari la libbra.

 

 

Fonte:www.investing.com