Home Attualità Gas Naturale, Oro, Petrolio – analisi e prospettive settimanali

Gas Naturale, Oro, Petrolio – analisi e prospettive settimanali

102

Un uccello in mano vale due nel cespuglio, come dice il proverbio. Alcuni operatori del mercato petrolifero lo hanno capito venerdì, quando le nuove ansie per l’inflazione e i rialzi dei tassi hanno fatto uscire le loro posizioni lunghe sul greggio, dopo aver iniziato a diffidare di un eccesso di offerta che sta prendendo forma a seguito di settimane e settimane di accumulo di scorte segnalate dal governo statunitense

 

Ma mentre questi ultimi hanno venduto – forse per rientrare quando la domanda sarà migliore – altri hanno comprato i ribassi del mercato, sfidando il fatto che la situazione del greggio si risolverà presto, grazie a quella parola magica: Cina.

Da quando, all’inizio dell’anno, Pechino ha annunciato l’eliminazione di tutti i controlli COVID, il mondo del petrolio a lungo termine non vede l’ora di capire cosa potrebbe significare per la domanda nel più grande importatore di questa materia prima.

Anche l’Agenzia Internazionale per l’Energia, che ha sede a Parigi e che cura gli interessi dei Paesi consumatori di petrolio, ha parlato di come l’acquisto cinese potrebbe modificare in modo esponenziale il mercato petrolifero di quest’anno.

L’AIE ha previsto un consumo aggiuntivo di 500.000 barili al giorno da parte della Cina quest’anno, che porterebbe la domanda globale di petrolio a un livello record. “La domanda globale di petrolio è destinata ad aumentare di 1,9 milioni di bpd nel 2023, raggiungendo la cifra record di 101,7 milioni di bpd, con quasi la metà del guadagno da parte della Cina a seguito dell’abolizione delle restrizioni COVID”, ha dichiarato l’agenzia nel suo rapporto di mercato di gennaio.

Si badi bene, ciò proviene da un’entità tipicamente etichettata dai tori del petrolio come “perma-bear” della domanda – un’etichetta sfortunata, senza dubbio, data la propensione dell’AIE verso i consumatori, che, non sorprende, vogliono i prezzi dell’energia più bassi possibili in qualsiasi momento.

Il problema di ciò che vuole il lato lungo del petrolio è che ci devono essere abbastanza dati concreti a sostegno.

Secondo gli analisti, i dati sulle importazioni cinesi a sostegno di un grande rally del petrolio non emergeranno probabilmente prima di due settimane. Nel frattempo, gli ultimi dati disponibili hanno mostrato che il più grande importatore di greggio al mondo ha acquistato 10,98 milioni di bpd, o barili al giorno, a gennaio, in calo rispetto agli 11,37 milioni di bpd di dicembre e agli 11,42 milioni di bpd di novembre.

 

Fonte:www.reuters.com