Home Dal mondo Schroders: oro asset interessante in caso di stagflazione

Schroders: oro asset interessante in caso di stagflazione

37

Ben Popatlal e Xi (Lenna) Chen di Schroders analizzano la relazione tra tassi di interesse e oro e, sulla base dei dati storici, notano la correlazione con i rendimenti reali

 

L’attuale scenario, contraddistinto da un’inflazione elevata e da tassi d’interesse in aumento lungo tutta la curva, ha spinto gli esperti di Schroders a valutare una tesi sviluppata in una loro analisi del settembre 2020, che mostrava l’oro in correlazione negativa rispetto ai tassi di interesse reali, come se fosse al centro di un “tiro alla fune” tra tassi di interesse e inflazione.

L’attenzione odierna dei mercati è sempre più concentrata sulla possibilità di una fase di crescita stagnante e di un aumento dell’inflazione, nota anche come stagflazione. In un contesto simile, l’oro dovrebbe risultare relativamente interessante. Infatti, storicamente e in fasi simili, la maggior parte delle asset class subisce perdite, mentre l’oro tende a registrare buone performance.

I due manager di Schroders concludono che la relazione tra tassi d’interesse reali e oro sia ancora abbastanza valida nella maggior parte dei contesti, ammettendo che, alla luce dell’attuale fase economica nell’ambito degli ultimi 50 anni, la situazione corrente riguardo a inflazione e tassi di interesse sembra un’anomalia. Questo contesto estremo suggerisce agli investitori di ponderare le decisioni basate su ipotesi precedentemente formulate che potrebbero rivelarsi temporaneamente non valide.

 

 

Fonte:www.financialounge.com