Home Economia Le cinque cose da seguire questa settimana

Le cinque cose da seguire questa settimana

87
Business analysis, financial investment concept. Businessman, analyzing stock market report on digital tablet and laptop computer with market summary and financial graph

Ecco gli eventi da seguire questa settimana

 

Powell rilascerà la sua testimonianza davanti al Congresso mercoledì e giovedì e si prevede che confermerà l’impegno della Fed nella lotta all’inflazione, che si trova al massimo degli ultimi 40 anni.

La Fed ha dichiarato venerdì che l’impegno nella lotta all’inflazione è “incondizionato”. L’inflazione annua USA è salita al ritmo più veloce dal 1981 a maggio.

Mercoledì scorso la Fed ha alzato i tassi di 75 punti base ed ha indicato un aumento più rapido dei tassi. Powell ha dichiarato che la Fed non può controllare tutti i fattori che contribuiscono ad un’inflazione più elevata, come la guerra in Ucraina che ha fatto schizzare i prezzi degli energetici.

Gli operatori temono che gli aumenti aggressivi dei tassi da parte della Fed possano causare una recessione e tra il rallentamento della crescita e l’azionario in territorio orso, Powell potrebbe essere interrogato su come la Fed possa ridurre l’inflazione senza causare troppo danni all’economia e ai mercati.

La Presidente della BCE Christine Lagarde testimonierà davanti al Parlamento europeo a Bruxelles questo lunedì, e con molta probabilità sarà interrogata sul nuovo strumento della contro la crisi dopo l’annuncio della settimana scorsa.

La BCE sta pianificando un nuovo piano di acquisti contro la “frammentazione” o l’aumento del divario tra i costi di prestito pagati in Germania e quelli di altri paesi più indebitati e periferici, come Italia, Spagna e Grecia.

Con i mercati che si aspettano un aumento di 25 punti base dalla BCE a luglio e almeno un aumento di 50 punti base a settembre, alcuni analisti credono che questo nuovo strumento possa permettere alla banca centrale di implementare aumenti aggressivi dei tassi di interesse.

 

 

Fonte:www.benzinga.com