Home Dal mondo Banche russe, commissioni su conti valuta estera per ridurre esposizione

Banche russe, commissioni su conti valuta estera per ridurre esposizione

36
View of St. Petersburg. Panorama of Winter Palace

Dopo la decisione delle autorità russe di prendere in considerazione l’imposizione di tassi di interesse negativi per i depositi in valuta estera, alcune grandi banche hanno cominciato ad applicare commissioni per i conti in dollari ed euro

 

Secondo quanto riferito dalla banca centrale lo scorso mese, la Russia sta pensando di imporre tassi negativi sui depositi in euro e dollari per incentivare l’uso di altre valute. La misura, tuttavia, dovrebbe riguardare le imprese e non i clienti privati delle banche.

Raiffeisen ha dichiarato di voler aumentare le commissioni per i trasferimenti di valuta estera e Rosbank, venduta a maggio da Societe Generale a una società legata all’oligarca russo Vladimir Potanin, sta valutando di applicare commissioni sui conti in dollari e in euro entro la fine di giugno.

La banca online russa Tinkoff, dopo aver annunciato un addebito mensile dell’1% per alcuni conti forex, ha offerto incentivi sui tassi di cambio per spingere i russi a convertire le disponibilità in valuta estera in rubli. Ha anche aggiunto che la commissione di servizio dell’1% sarà detratta mensilmente, a partire dal 23 giugno, sui conti in dollari, euro, sterline e franchi svizzeri con un saldo superiore a 1.000 dollari.

 

 

Fonte:www.reuters.com