Home Dal mondo Eni, nel Q1 volano utile ed Ebit. Guidance rivista al rialzo

Eni, nel Q1 volano utile ed Ebit. Guidance rivista al rialzo

31

L’aumento dei prezzi dei beni energetici ha fatto bene al trimestre di Eni (BIT:ENI), con un primo trimestre chiuso con un utile netto adjusted di 3,27 miliardi di euro (+3 miliardi rispetto al primo trimestre 2021)

 

Il risultato, spiega la società in nota, è stato sostenuto “dai maggiori risultati delle partecipazioni valutate all’equity e dalla riduzione del tax rate dovuta a un migliore mix geografico e dall’effetto prezzo nella E&P, e dai contributi positivi di GGP e di R&M ai risultati consolidati”.
L’Ebit adj. consolidato è balzato del 300% ad euro 5,19 miliardi grazie ai “solidi risultati della E&P con un Ebit adjusted di €4,38 miliardi, un incremento di €3 miliardi rispetto al primo trimestre 2021 dovuto alla capacità di catturare il rilevante aumento dei prezzi di realizzo delle produzioni equity (+70% in media). La produzione di idrocarburi del trimestre è stata di 1,65 milioni di boe/g, livello coerente con la guidance dell’anno”.
In generale, ha affermato l’Ad Descalzi, “il trimestre è stato caratterizzato da rilevanti sviluppi strategici per Eni. Abbiamo reagito con rapidità alle mutate condizioni del mercato energetico facendo leva sulla dimensione globale del nostro settore upstream e sulle consolidate relazioni con i paesi produttori per identificare nuove opportunità di forniture per l’Europa, incrementali e alternative a quelle esistenti”.
Per staccarsi progressivamente dalla dipendenza russa, la società, insieme al governo italiano, ha concluso importanti accordi con Algeria, Egitto e Congo, e un altro ancora in Angola, che “rafforzano ulteriormente le attività congiunte con le società di stato locali con l’obiettivo di promuovere maggiori flussi di export di gas naturale a beneficio dell’Italia e dell’Europa”.

 

 

Fonte:www.financialounge.com