Home Economia Ucraina rifiuta di consegnare Mariupol, evacuazione civili proseguirà oggi

Ucraina rifiuta di consegnare Mariupol, evacuazione civili proseguirà oggi

26

L’Ucraina ha respinto le richieste russe di consegnare la città portuale di Mariupol, i cui residenti sono assediati con scarso accesso a cibo, acqua ed energia elettrica, in una crisi umanitaria che sta aumentando la pressione sui leader europei ad approvare sanzioni più dure contro Mosca

 

Il governo ucraino ha respinto con decisione le richieste russe, in cui si chiedeva di deporre le armi a Mariupol in cambio di un passaggio sicuro fuori dalla città e l’apertura di corridoi umanitari dalle 08,00 italiane di oggi.

“Non ci può essere alcuna discussione sulla resa o sul deporre le armi”, ha detto il vice primo ministro Irina Vereshchuk, secondo quanto riferito dal portale di notizie Ukrainska Pravda .

“Abbiamo già informato i russi a tal proposito”.

Mariupol è stata tra le città più colpite dai bombardamenti da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio. Molti dei 400.000 cittadini sono intrappolati nella città mentre i combattimenti strada per strada proseguono intorno a loro.

Vereshchuk ha detto che circa 7.000 persone sono state evacuate ieri da varie città ucraine grazie a corridoi umanitari, più di metà di loro da Mariupol. Il governo – ha aggiunto – ha in programma di inviare quasi 50 bus in città oggi per proseguire con le evacuazioni.

Russia e Ucraina hanno stretto accordi durante la guerra per l’istituzione di corridoi umanitari per evacuare i civili, ma si sono accusate reciprocamente delle frequenti violazioni di questi accordi.

 

 

Fonte:www.investing.com