Home Attualità Perché cresce la necessità di rimettere le materie prime al centro del...

Perché cresce la necessità di rimettere le materie prime al centro del portafoglio

37

L’importanza della Russia per i mercati globali dell’energia, dell’alluminio, del platino, del nichel e del rame potrà inasprire, secondo Neuberger Berman, la già crescente scarsità di queste materie prime

 

 

I mercati finanziari, già indeboliti dai timori relativi alla persistente inflazione e dall’aumento dei tassi di interesse, stanno accusando un nuovo e preoccupante elemento geopolitico: l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Una situazione che contribuisce ad avvalorare uno dei principali temi di Neuberger Berman sul fronte dell’asset allocation: la necessità di rimettere le materie prime al centro del dibattito e del portafoglio.

PETROLIO, GAS, ALLUMINIO, PALLADIO, PLATINO, NICHEL E RAME

“Quando si parla di commodities, la Russia è tra i principali fornitori non soltanto di petrolio e gas naturale ma anche tra i più importanti esportatori a livello mondiale di alluminio, di palladio, platino, nichel e rame. Senza dimenticare, inoltre, che Russia e Ucraina sono anche tra i maggiori esportatori di grano. Nel corso dei mesi a venire le sanzioni e i disordini potrebbero limitare la fornitura di queste materie prime” spiegano Erik Knutzen, Chief Investment Officer—Multi-Asset Class e Hakan Kaya, Senior Portfolio Manager, Commodities di Neuberger Berman.

 

Fonte:www.investing.com