Home Dal mondo Il petrolio schizza sull’escalation Russia-Ucraina

Il petrolio schizza sull’escalation Russia-Ucraina

121

Il petrolio è in salita questo mercoledì mattina, spinto ancora dalla decisione di Mosca di dispiegare le truppe in due regioni separatiste in Ucraina; tuttavia, i timori degli investitori per le ricadute si sono allentati

 

I future del petrolio Brent sono scesi dello 0,56% a 93,90 dollari al barile alle 3:46 AM CET, mentre i future del petrolio WTI sono saliti dello 0,07% a 91,97 dollari al barile.

Si teme che le sanzioni occidentali contro la Russia per le sue azioni nell’Ucraina orientale possano colpire le forniture energetiche. Ma gli Stati Uniti hanno assicurato che non ci sarà alcun impatto sulle esportazioni di energia.

“Le sanzioni che vengono imposte oggi e quelle che potrebbero essere imposte nel prossimo futuro non sono mirate e né mireranno in futuro ai flussi di petrolio e gas”, ha dichiarato martedì ai media un alto funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

Le sanzioni decise martedì dagli Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Europea si sono concentrate sulle istituzioni finanziarie russe.

Sul mercato del greggio potrebbero tornare più di 1 milione di barili al giorno di petrolio dall’Iran: secondo fonti diplomatiche, l’Iran e le potenze mondiali sarebbero sul punto di raggiungere un accordo sul programma nucleare di Teheran.

“I diplomatici concordano sul fatto che i negoziati siano alle battute finali, segnalando un potenziale sollievo per i mercati petroliferi globali”, hanno dichiarato gli analisti di ANZ Research in una nota.

 

 

Fonte:www.financialounge.com