Home Economia Greggio al massimo di 7anni, si teme un attacco in Ucraina

Greggio al massimo di 7anni, si teme un attacco in Ucraina

25

Il petrolio è in salita negli scambi asiatici di questo lunedì e tocca il massimo di sette anni nei timori che la Russia possa invadere l’Ucraina

 

Un’invasione potrebbe innescare delle sanzioni da USA e UE che potrebbero paralizzare le esportazioni russe verso un mercato già in difficoltà.

I future Brent salgono dell’1,22% a 95,59 dollari alle 4:57 AM CET, dopo aver toccato 96,16 dollari, il massimo da ottobre 2014. I future WTI sono saliti dell’1,42% a 94,42 dollari, vicini al massimo della seduta di 94,94 dollari, il massimo da settembre 2014.

Gli USA hanno avvisato che la Russia potrebbe invadere l’Ucraina in qualsiasi momento, creando un pretesto per un attacco, dichiarazioni che hanno fatto agitare i mercati finanziari globali.

Queste tensioni giungono mentre l’OPEC+ fatica a raggiungere gli obiettivi di produzione. Il cartello si è impegnato ad aumentare la produzione di 400.000 barili al giorno fino a marzo 2022.

L’AIE ha dichiarato che il gap tra la produzione OPEC+ ed il  target si è allargato a 900.000 barili al giorno a gennaio 2022, mentre il gapo dell’OPEC senza alleati è di 1,2 milioni di barili al giorno, secondo JP Morgan (NYSE:JPM).

Ma sul mercato continuano a pesare i timori perla ripresa dei dialoghi sull’accordo sul nucleare con l’Iran. Tuttavia, un funzionario iraniano ha dichiarato che i progressi nei dialoghi stanno diventando “più difficili”.

 

 

Fonte:www.benzinga.com