Home Economia Mps, Meta, Russia/Ucraina: 5 fattori da seguire oggi sui mercati

Mps, Meta, Russia/Ucraina: 5 fattori da seguire oggi sui mercati

37

Ecco gli eventi principali da seguire sui mercati finanziari questo martedì 8 febbraio

 

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha incontrato lunedì il cancelliere tedesco Olaf Scholz per discutere della crisi ucraina. Per Biden, i due Paesi, insieme alla NATO, “sono pronti” a difendere l’ex nazione sovietica in cado di invasione russa, con lo “stop” all’approvazione del gasdotto Nord Stream 2.

Intanto, a Mosca Macron e Putin hanno tenuto un incontro di sei ore che, secondo quanto riportato, non ha portato ad un esito risolutivo della vicenda ma è stato sottolineato un linguaggio conciliatorio.

Monte dei Paschi (MI:BMPS) torna in positivo e chiude il 2021 con un utile netto di 310 milioni di euro, da una perdita di 1,69 miliardi del 2020. Ma nel giorno decisivo per la governance, il cda ha deciso di ritirare le deleghe all’AD Guido Bastianini e di nominare l’ex Ad di Creval (MI:PCVI) Luigi Lovaglio come nuovo numero uno della banca.

Ancora grane tra Corte di giustizia europea e l’ex Facebook. Per una regolamentazione europea del 2020 sulle violazioni della protezione dei dati, Meta (NASDAQ:FB) potrebbe chiudere Facebook e Instagram in Europa in quanto non avrà possibilità di trasferire i dati degli utenti europei sul server con sede negli Stati Uniti.

Questo è quanto emerge nella relazione annuale alla Sec, nel quale si legge che se non verrà adottato “un nuovo quadro” e la società non è più autorizzata a utilizzare gli attuali accordi modello, Meta non sarà “probabilmente più in grado di offrire molti dei suoi prodotti e servizi più significativi”. In calo il titolo sul Nasdaq (-6%).

Intanto a Wall Street continua la stagione delle trimestrali. Oggi aggiorneranno il mercato Pfizer (NYSE: NYSE:PFE), BNP Paribas (PA: BNPP), Softbank (T: 9984) o BP (LON: LON:BP), tra gli altri.

Con l’Asia a due velocità e Wall Street debole, i future per l’avvio in Europa indicano il Mib a +30 punti, il Dax a +140 punti, il Cac a +4 punti, e l’Euro Stoxx 50 in parità.

 

 

Fonte:www.proiezionidiborsa.com