Home Dal mondo Trattato del Quirinale, un patto importante per l’Europa

Trattato del Quirinale, un patto importante per l’Europa

148

Consultazioni frequenti, consigli dei ministri congiunti, gruppi di lavoro sulla gestione di alcuni dossier. Verrà firmato questo giovedì a Roma il Trattato del Quirinale teso a rafforzare le relazioni tra Italia e Francia

 

 

L’idea è di promuovere un testo simile al Trattato franco tedesco dell’Eliseo firmato nel 1963 dagli allora presidenti Konrad Adenauer e Charles De Gaulle. Trattato rinnovato nel 2019 ad Aquisgrana dalla cancelliera tedesca Angela Merkel e dal Presidente franceseEmmanuel Macron.
Ora a stringersi la mano saranno Macron e il primo ministro Mario Draghi, due europeisti convinti, due moderati che arrivano alla firma del trattato del Quirinale dopo 4 anni di lavoro. Fu infatti nel 2017 a Lione che l’allora primo ministro Paolo Gentiloni e il neo eletto Macron annunciarono l’operazione.
Al testo hanno lavorato i governi e i loro diplomatici; consta di 11 capitoli tra cui difesa immigrazione, politica estera, transizione ecologica, istruzione. Lo scopo è anche trovare una posizione comune su temi controversi di fronte a partner internazionali. Il Trattato tra Italia e Francia crea, in sostanza, meccanismi di consultazione periodica in ogni settore, attraverso cui verificare i rispettivi interessi, superare eventuali divergenze, promuovere possibili sinergie.
Una parte del trattato del Quirinale è dedicata alla collaborazione tra i due parlamenti ed il 29 novembre a Parigi il presidente della Camera Roberto Fico e il presidente dell’Assemblea Nazionale francese Richard Ferrand si incontreranno per firmare.

 

 

 

Fonte:www.euronews.com