Home Ambiente e Clima Evergrande ed energia pesano in Cina, ripresa rallenta nel Q3

Evergrande ed energia pesano in Cina, ripresa rallenta nel Q3

131

L’economia cinese è cresciuta al ritmo più lento del 2021 nel terzo trimestre, con la crisi energetica, i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento e le tensioni create da China Evergrande (HK:3333) che hanno frenato la ripresa economica del Paese

 

I dati diffusi all’inizio della mattinata europea hanno mostrato che il PIL è cresciuto dello 0,2% su base trimestrale, rispetto al +0,5% delle previsioni preparate da Investing.com e al +1,3% del mese precedente. Su base annua, il tasso di crescita è aumentato del 4,9% contro il +5,2% del consenso e il +7,9% registrato ad agosto.

“La ripresa economica cinese è ancora instabile e irregolare”, ha detto il portavoce dell’Ufficio nazionale di statistica (NBS) Fu Linghui durante un briefing lunedì, in contrasto “con l’impressionante ripresa economica del paese dal Covid nel 2020, spinta da un efficace contenimento del virus e dall’aumento della domanda estera di manufatti cinesi”.

“In risposta ai numeri di crescita che prevediamo nei prossimi mesi, riteniamo che i responsabili politici adotteranno ulteriori misure per sostenere la crescita, compresa la garanzia di ampia liquidità nel mercato interbancario, l’accelerazione dello sviluppo delle infrastrutture e l’allentamento di alcuni aspetti delle politiche complessive di credito e immobiliare”, ha dichiarato a Reuters Louis Kuijs, capo dell’economia asiatica di Oxford Economics.

Continua il nervosismo intorno alle passività di Evergrande e di moltre altre società del comparto immobiliare, e con esso crescono on le preoccupazioni per una potenziale ricaduta del credit crunch immobiliare sull’economia in generale, nonostante la banca centrale cinese abbia affermato che la debacle del secondo operatore cinese non rappresenta un rischio sistemico.

 

 

Fonte:www.investing.com