Home Cronaca Amazon si accorda con due impiegati licenziati

Amazon si accorda con due impiegati licenziati

84

Cosa è successo Kayla Blado, portavoce dell’NLRB, mercoledì ha dichiarato che il sindacato ha raggiunto un “accordo al di fuori del Board” con Amazon, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal

 

Secondo quanto riferito, Amazon.com, Inc (NASDAQ:NASDAQ:AMZN) avrebbe risolto una causa intentata contro la compagnia da un sindacato: il National Labor Relations Board (NLRB) sosteneva infatti che la società fondata da Jeff Bezos avesse licenziato ingiustamente due dipendenti.

“Abbiamo raggiunto un accordo reciproco che risolve i problemi legali in questo caso e accogliamo con favore la risoluzione di questa questione”, ha dichiarato un portavoce di Amazon, secondo il Journal.

Il sindacato United Food and Commercial Workers dello stato di Washington, che ha presentato la denuncia, ha affermato che nell’ambito dell’accordo esiste un requisito a livello nazionale in base al quale “Amazon deve inviare una pubblicazione notificando l’avviso di risoluzione agli addetti alla tecnologia e al magazzino, e che secondo la legge questi hanno il diritto di esprimersi attraverso l’attività collettiva e concertata”.

“Abbiamo ritenuto che i lavoratori avessero una forte motivazione fin dall’inizio, e vogliamo incoraggiare tutti i lavoratori a parlare in modo collettivo e costruttivo per migliorare i luoghi in cui lavorano se lo desiderano”, ha dichiarato Faye Guenther, presidente di UFCW21, come riporta il Journal.

Perché è importante La denuncia sindacale sosteneva che Amazon avesse licenziato i dipendenti sulla base di una “applicazione discriminatoria di politiche o regole di lavoro”, ha osservato il Journal.

In base a quanto emerso, la denuncia sarebbe stata successivamente modificata includendo un accenno alle attività dei due impiegati a sostegno dei dipendenti dei magazzini statunitensi di Amazon e alle loro iniziative legate alle precauzioni di sicurezza contro il COVID-19.

All’inizio della settimana un portavoce di Amazon ha dichiarato che i dipendenti non sono stati licenziati per aver parlato di condizioni di lavoro o sicurezza, ma per violazione delle politiche interne, secondo quanto riferisce il Journal.

Lo scorso marzo un impiegato di magazzino in sciopero, Chris Smalls, è stato licenziato da Amazon per presunta violazione delle linee guida sul distanziamento sociale.

Smalls, insieme a quasi 50 altri dipendenti, avevano preso parte a un’azione sindacale.

Successivamente, l’ufficio del procuratore generale di New York ha avviato un’indagine sulla risposta di Amazon ai problemi di sicurezza e ha affermato che, licenziando Smalls, il colosso dell’e-commerce potrebbe aver violato le leggi sul whistleblowing nello Stato di New York.

Movimento dei prezzi Le azioni Amazon hanno chiuso la sessione regolare di mercoledì in calo dello 0,45% a 3.301,12 dollari e nella sessione after-hours hanno poi guadagnato lo 0,27%.

 

 

Fonte:www.investing.com