Home Attualità Tori e orsi della settimana passata: Apple, Bitcoin, Disney e altri

Tori e orsi della settimana passata: Apple, Bitcoin, Disney e altri

68

Benzinga continua a esaminare le prospettive di molti dei titoli più apprezzati dagli investitori. Ecco alcuni dei post più rialzisti e ribassisti della scorsa settimana che meritano un’altra occhiata

 

  • La scorsa settimana Benzinga ha esaminato le prospettive di molti fra i titoli preferiti dagli investitori.
  • I segnali rialzisti della scorsa settimana hanno riguardato alcuni titoli scelti da Gene Munster e la società produttrice di un trattamento contro l’Alzheimer che potrebbe rivelarsi di grande successo.
  • I colossi del software e dell’abbigliamento per il tempo libero, nonché la criptovaluta più popolare al mondo, sono stati invece tra i principali segnali ribassisti della scorsa settimana.

Un’altra settimana volatile ha visto i tre principali indici azionari statunitensi dapprima in rosso, a causa di un sell-off provocato da una crisi del settore immobiliare in Cina; in seguito alle recenti osservazioni giunte dalla Federal Reserve, gli indici sono poi riusciti a chiudere la settimana con il Dow Jones e l’S&P 500 in lieve rialzo e con il Nasdaq sostanzialmente piatto.

Tuttavia, tutti e tre gli indici sono in calo del 2% o più dall’inizio del mese, ma hanno guadagnato almeno il 14% da inizio anno.

Prospettive al rialzo “3 titoli per il prossimo anno scelti da Gene Munster”, di Adam Eckert, approfondisce quali sono gli elementi di Apple Inc (NASDAQ:NASDAQ:AAPL) che piacciono a questo rinomato investitore, nonché le sue prime scelte (inclusa una SPAC) per il prossimo anno.

In “Disney, BofA rialzista malgrado l’outlook per il 4° trimestre”, Priya Nigam rivela perché l’analista presente nell’articolo ritiene che i fattori negativi a breve termine affrontati dai parchi a tema e dallo streaming video di Walt Disney Co (NYSE:DIS) siano transitori.

“Biogen, secondo un analista il ‘potenziale di successo’ di Aduhelm è sottovalutato”, a cura di Shanthi Rexaline, discute dei motivi per cui il trattamento contro l’Alzheimer di Biogen, Inc. (NASDAQ:BIIB) potrebbe valere miliardi di dollari.

 

Fonte:www.benzinga.com