Home Economia Investimenti, l’importanza di preservare nel tempo il rendimento

Investimenti, l’importanza di preservare nel tempo il rendimento

25

Gli esperti di Morgan Stanley (NYSE:MS) Investment Management spiegano i meccanismi del rendimento composto e l’importanza di scegliere titoli di aziende con rendimenti sul capitale operativo elevati e sostenibili

 

 

Un investimento di $10.000 che offre un rendimento annualizzato dell’8% annuo vale $14.693 dopo cinque anni, $21.589 dopo 10 anni e più del quadruplo dopo 20 anni, vale a dire $46.610. Un netto apprezzamento del capitale, grazie all’effetto moltiplicatore del rendimento composto, fondamentale per investire con successo nel lungo termine. Parte da questo esempio l’ultimo articolo della rubrica ‘Global Equity Observer’ del team International Equity di Morgan Stanley Investment Management, firmato da William Lock, responsabile del team, e Alistair Corden-Lloyd, Executive Director. I due gestori sottolineano come il tasso composto conta, ma il segreto è la capacità di preservarlo nel tempo. Per far questo occorre investire in società con rendimenti sul capitale operativo elevati e sostenibili: l’esperienza insegna che sono queste a presentare le migliori doti di ‘compounding’.

I FATTORI DIETRO A RENDIMENTI ELEVATI E SOSTENIBILI

Gli esperti di Morgan Stanley IM spiegano che esistono alcune caratteristiche chiave per conseguire tali rendimenti: potere di fissazione dei prezzi, attività intangibili difficili da replicare con elevate barriere all’ingresso e leadership in settori e categorie con solide opportunità di crescita a lungo termine. Inoltre, è fondamentale un team dirigente in grado di allocare il capitale in modo efficiente, di sostenere tale crescita e di muoversi in un contesto di cambiamenti continui e dirompenti. Senza, non si può creare un effetto ‘compounding’. Il potere di fissazione dei prezzi tutela sia dall’inflazione che dalla deflazione, consentendo inoltre un controllo maggiore sul margine lordo.

 

Fonte:www.investing.com