Home Economia Dollaro su dopo dichiarazioni dalla Fed; attesi dati sul lavoro

Dollaro su dopo dichiarazioni dalla Fed; attesi dati sul lavoro

94

Il dollaro è in salita nella mattinata europea di questo giovedì, dopo le dichiarazioni Federal Reserve che hanno spinto i trader a considerare l’idea che il tapering della banca centrale potrebbe iniziare prima del previsto

 

Alle 1:55 AM ET (0855 CEST), l’indice del dollaro, che replica l’andamento del biglietto verde contro un paniere di altre sei principali valute, sale dello 0,1% a 92,302, staccandosi dal minimo di un mese di 91,755 toccato la scorsa settimana.

La coppia USD/JPY sale dello 0,2% a 109,66.  Il cambio EUR/USD sale dello 0,1%  a 1.1839, mentre la coppia AUD/USD segna +0,2% a 0,7397, sostenuta dai dati australiani che hanno mostrato un aumento del 4% delle esportazioni a giugno.

Il dollaro oscilla da un paio di mesi, prima è salito dopo il vertice FOMC di giugno, poi è sceso la scorsa settimana dopo che il Presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato che gli aumenti dei tassi di intereresse sono ancora lontani.

La valuta ha cambiato rotta dopo che il  Vice-Presidente della Fed Richard Clarida, solitamente molto cauto, ha dichiarato che le condizioni per un aumento dei tassi di interesse potrebbero giungere per fine 2022, permettendo un intervento per inizio 2023. Clarida ha lasciato intendere che la Fed potrebbe annunciare una riduzione degli acquisti quest’anno se le condizioni dei progressi sostanziali saranno soddisfatte.

A complicare la situazione i dati misti di mercoledì, con il report ADP sorprendentemente debole ed il report ISM non-manifatturiero sorprendentemente forte.

 

 

Fonte:www.financialounge.com