Home Economia Stellantis da record nel H1, Tavares: “Avanti con l’elettrico”

Stellantis da record nel H1, Tavares: “Avanti con l’elettrico”

93

Stellantis ha riportato risultati record nel primo semestre, su base pro forma, con tutti i segmenti positivi e guidance sul margine operativo alzata per l’intero anno

 

 

I ricavi netti sono aumentati del 46% a 75,3 miliardi di euro dai 51,7 mld circa del primo semestre 2020, con utile netto di 5,9 miliardi rispetto alla perdita di 813 milioni registrata lo scorso anno.

“A questi importanti risultati a livello operativo si affiancano progressi significativi su questioni strategiche, relative all’accelerazione nel campo dell’elettrificazione e del software, pilastri fondamentali della nostra strategia”, ha affermato il Ceo Carlos Tavares commentando i numeri dei primi sei mesi.

Il risultato operativo adjusted è risultato crescita a 8,62 miliardi dai precedenti 752 milioni, con margine del risultato operativo rettificato in aumento di 990 punti base all’11,4%.

Il flusso di cassa disponibile industriale pro forma è negativo per €1,2 miliardi, per “gli impatti negativi sul capitale circolante dovuti a ordini di semiconduttori non evasi, compensando le sinergie nette positive”, spiega il car maker italo-francese nella nota.

La combination Fca-Psa ha poi portato ad un forte avvio del piano di sinergie, con €1,3 miliardi di benefici di cassa a giugno e una liquidità industriale disponibile che ammonta a 51,4 miliardi.

Sulla base dei conti, il gruppo ha alzato la guidance sul margine operativo rettificato al 10% dei ricavi, non presupponendo “alcun ulteriore deterioramento della fornitura di semiconduttori e nessun ulteriore blocco significativo in Europa e negli Stati Uniti”.

Dal punto di vista dell’elettrico, si prosegue a tutta velocità con il lancio di 11 BEV e 10 PHEV nei prossimi 24 mesi e una gamma dei veicoli commerciali leggeri completamente elettrificata in Europa, oltre a furgoni medi a celle a combustibile a idrogeno, entro la fine del 2021.

Viene confermata inoltre la terza ‘gigafactory’ a Termoli, e la trasformazione dello stabilimento di Ellesmere Port in UK nella prima fabbrica della società esclusivamente dedicata ai BEV dalla fine del 2022.

Ad evidenziare un semestre d’oro per il car maker, Maserati è tornata in attivo con un Ebit adjusted di 29 milioni e una quota di mercato in crescita in tutti i mercati.

 

Fonte:www.investing.com