Home Economia Meeting Opec+: accordo bloccato ‘last minute’, greggio in calo

Meeting Opec+: accordo bloccato ‘last minute’, greggio in calo

28

Alle 09:30 CEST, i futures sul petrolio Brent sono in calo dello 0,2% a $75,69, mentre i contratti sul WTI perdono lo 0,15% a $75,11

 

 

Il Brent rompe al ribasso il livello di $76 al barile dopo che l’Opec+ non è riuscita a trovare un accordo sui livelli di produzione, il che potrebbe causare un picco inflazionistico dei prezzi delle commodities.

Secondo fonti, gli Emirati Arabi Uniti avrebbero bloccato letteralmente all’ultimo minuto un accordo che sembrava ormai scritto, costringendo il cartello a rimandare la decisione sulla produzione mensile. Lo stallo potrebbe concludersi con un mantenimento dei livelli di produzione attuali, riportando l’Opec+ sui termini precedenti e quindi ancorata fino ad aprile 2022 su questi livelli di produzione.

Prima dello ‘scontro’, l’Opec+ aveva concordato, in linea di principio, un aumento della produzione di 400.000 barili al giorno da agosto a dicembre. I ministri dell’organizzazione si riuniranno ancora nella giornata odierna in quanto l’attuale risultato lascia il mercato in un limbo offuscando la stessa reputazione del cartello, dopo la guerra dei prezzi tra Arabia Saudita e Russia dello scorso anno.

Se l’Opec+ non ricucirà lo strappo interno, la possibilità di un aumento del greggio si aggiungerà alle crescenti pressioni inflazionistiche nell’economia globale. Il petrolio ha appena terminato il semestre migliore dal 2009, con il rimbalzo della domanda nelle principali economie che ha superato la risposta dell’offerta. In una nota, gli analisti di Citigroup (NYSE:C) hanno affermato che il mercato “rimarrà in un profondo deficit questo trimestre anche dopo un possibile aumento della produzione”.

“Un’altra implosione dell’Opec+ come lo scorso aprile è improbabile”, ha detto a Bloomberg Vandana Hari, founder della società di consulenza petrolifera Vanda (NASDAQ:VNDA) Insights. “Hanno lavorato troppo duramente nell’ultimo anno per abbandonare il patto in questa fase. Mi aspetto che il tentativo di accordo tra Arabia Saudita e Russia vada a buon fine, ma potrebbe essere fatta una sorta di concessione agli Emirati Arabi Uniti”.

Lungo la curva dei futures, la struttura del mercato si è rafforzata con i time-spread scivolati verso la regressione. Giovedì, i tre time-spread più vicini sulla curva WTI hanno raggiunto $1 al barile, evidenziando che il mercato è sempre più preoccupato per la mancanza di offerta, in particolare nel principale centro di stoccaggio di Cushing, in Oklahoma, dove vengono quotati i futures del greggio statunitense. Il contratto del Brent di settembre costa 90 cent al barile in più rispetto a quello di ottobre, rispetto agli 80 cent di una settimana fa.

 

Fonte:www.investing.com