Home Economia Le Borse europee cominciano il mese in positivo in attesa dei dati...

Le Borse europee cominciano il mese in positivo in attesa dei dati macroeconomici

64

I listini del Vecchio Continente aprono tutti in rialzo mentre gli analisti aspettano la pubblicazione degli indici PMI manifatturieri per capire a che velocità sta viaggiando la ripresa

 

Le Borse europee cominciano il mese aprendo le contrattazioni in positivo. Piazza Affari ha iniziato gli scambi in rialzo dello 0,3%, così come Londra, che riapre oggi dopo i festeggiamenti del bank holiday. Francoforte ha registrato un incremento di mezzo punto percentuale, più di Parigi (+0,2%) e Madrid (+0,1%). Lo spread tra Btp e Bund tedeschi è stabile poco oltre i 110 punti base.

Numerosi i dati macroeconomici in agenda oggi. Gli analisti attendono i numeri sulle vendite al dettaglio di aprile in Germania, i PMI manifatturieri di Italia, Francia, Germania, della zona Euro e degli Usa, dove oggi, dopo i festeggiamenti per il Memorial Day, riapre Wall Street. I futures statunitensi viaggiano tutti in territorio positivo.

I dati macroeconomici serviranno a capire a che ritmo sta viaggiando la ripresa post-pandemica. In questo contesto, lunedì la Commissione europea ha proposto l’esenzione dalle misure di quarantena per i turisti vaccinati contro il Covid-19 che viaggiano nell’area Ue, sperando così di rilanciare il turismo alla vigilia della stagione estiva.

Mercati asiatici contrastati in avvio di giornata sulla scia della pubblicazione dell’indice PMI manifatturiero cinese Caixin di maggio, che ha toccato il massimo degli ultimi cinque mesi a quota 52, leggermente meglio delle previsioni degli analisti. Il Nikkei di Tokyo ha chiuso le contrattazioni in ribasso dello 0,16%, l’Hang Seng guadagna l’1%, mentre Shanghai viaggia poco sopra la parità.

Quotazioni del petrolio in rialzo in vista della riunione dell’Opec+ di oggi, durante la quale gli operatori potrebbero trovare un accordo per un lieve aumento della produzione. Il Wti guadagna il 2% a 67,69 dollari al barile, mentre il Brent sale oltre quota 70 dollari al barile. Nel valutario il cambio euro/biglietto verde cede lo 0,04% a quota 1,22.

 

 

Fonte:www.investing.com